Forfora: cosa mangiare per ridurne la produzione

Forfora: cosa mangiare per ridurne la produzione

CONDIVIDI
la-forfora

La forfora è un problema che affligge tantissime persone

Purtroppo l’effetto è sgradevole e le cause che la provocano possono essere tantissime.

A volte le infiammazioni della cute possono portare alla produzione della forfora. Molto spesso, invece, essa è provocata dall’utilizzo di prodotti per i capelli che creano reazioni allergiche. Anche il freddo può stimolare la produzione di forfora, così come l’umidità che riesce anche a peggiorare la situazione se la forfora è già presente.

Una delle cause più comuni è la comparsa di un fungo, che provoca un’infiammazione e quindi stimola la produzione di forfora. Non dimentichiamoci poi che anche lo stress ha un effetto negativo sul fenomeno.

Solitamente la forfora è un problema che perseguita di più gli uomini, la buona notizia è che esistono dei rimedi per cercare di contrastarla e renderla meno evidente.

L’alimentazione gioca un ruolo davvero importante, per cui mangiare alcuni alimenti vi aiuterà notevolmente nel prevenire e contrastare la forfora.

Se volete ridurre la quantità forfora prodotta dal vostro cuoio capelluto, allora dovete inserire nella vostra dieta alimenti che contengono zinco. Stiamo parlando di alimenti come l’avena, il grano, i legumi e le nocciole. Questi cibi sono ricchi di zinco, così come le carni rosse e le ostriche.

Anche l’allicina è una sostanza che aiuta a contrastare la forfora. Questa si trova nell’aglio e nelle cipolle. Le sostanze contenute in questi alimenti vi aiuteranno a contrastare il fungo che provoca la forfora.

Le vitamine B sono fondamentali per prevenire questo problema e per ridurne gli effetti. Soprattutto le vitamine B6 e B12 sono ottime nella lotta contro la forfora. Le vitamine del gruppo B si trovano in alimenti come la verdura, legumi, cereali, uova e frutta fresca.

Non dimenticatevi poi di aggiungere anche omega 3 e omega 6 alla vostra dieta, dato che vi aiuteranno a proteggere il cuoio capelluto. Questi grassi si trovano nel pesce azzurro, nell’olio d’oliva, nelle noci e nel salmone.

Se cambierete la vostra alimentazione, vedrete che i risultati non tarderanno ad arrivare. Esistono anche dei rimedi naturali che prevedono l’utilizzo di olio di cocco e succo di limone che vi aiuteranno a migliorare l’aspetto della vostra epidermide.

Basta creare una maschera mescolandoli insieme e poi il composto va applicato prima dello shampoo, massaggiando accuratamente.

Un altro rimedio naturale è costituito dall’utilizzo di aceto di vino bianco e aceto di mele che vanno applicati sul cuoio capelluto mescolati con olio di oliva. Dopo di che potete utilizzare il normale shampoo per risciacquare.