Il fumo riduce davvero il senso di appetito?

Il fumo riduce davvero il senso di appetito?

CONDIVIDI
fumo-colesterolo

Solitamente si è tenuti a credere che fumare possa aiutare le persone a perdere peso.

Si tratta di un’abitudine davvero poco salutare, che comporta non pochi effetti negativi sul nostro organismo. Fumare riduce la fertilità, aumenta la possibilità di sviluppare tumori e molto altro ancora.

Un recente studio condotto dalla università Harokopio di Atene ha dimostrato come in realtà il fumo incida davvero sul modo in cui assumiamo calorie. È, ad esempio, noto che chi smette di fumare spesso sia soggetto a un aumento di peso. Alcune ricerche hanno dimostrato che chi ha smesso di fumare possa anche arrivare a prendere ben 10 kg in 5 anni.

Tutto questo accade perché il fumo riesce a ridurre l’apporto calorico, si parla di circa 152 calorie a pasto. Questo perché la sigaretta va ad agire sull’ormone dell’appetito.

La ricerca dell’università di Atene condotta da Konstantin Zachary ha rivelato dei dati davvero interessanti e sorprendenti allo stesso tempo.

La ricerca ha preso in analisi 14 fumatori e si è concentrata per l’appunto sullo studiare l’effetto che ha il fumo sul modo in cui il nostro corpo assume le calorie che introduciamo. I fumatori hanno partecipato a un ricco buffet con pietanze dolci e salate.

Nonostante la quantità di calorie ingerite, il fumo ha comportato una riduzione di ben 152 calorie rispetto a quanto assunto dai fumatori.

Quindi la credenza che il fumo abbia una qualche relazione con la perdita di peso, è in realtà cosa vera. Ovviamente non è assolutamente consigliabile fumare troppo o iniziare a fumare per controllare il proprio peso.

Vi ricordiamo, infatti, che questo vizietto ha delle conseguenze davvero molto serie sulla salute.

Nonostante i risultati della ricerca, rimane ancora poco chiaro il perché e quale sia la relazione tra fumo e peso. Durante lo studio, i fumatori sono stati invitati a procedere secondo due situazioni. Alcuni sono stati invitare a fumare prima del pasto, altri invece no.

Dopo di che entrambi i gruppi hanno partecipato al ricco buffet. I risultati hanno dimostrato che chi ha fumato la sigaretta ha ridotto di 152 calorie quanto assunto. Questo perché la sigaretta agisce direttamente sull’ormone grelina che è il responsabile del controllo dell’appetito.

Le analisi del sangue hanno, infatti, segnalato una minore concentrazione di grelina nei campioni di sangue di chi aveva fumato prima del buffet.

Il fumo ha una vera e propria funzione nel contrastare il senso della fame, ed è proprio per questo che chi smette di fumare è maggiormente soggetto all’assunzione di nuovo peso.