La stevia, una dolce alternativa

La stevia, una dolce alternativa

CONDIVIDI
stevia-insulin

La stevia è una pianta originaria del Sud America le cui foglie vengono utilizzate come dolcificante naturale, ma non solo. È anche un potente antibatterico e antifungino, ed è indicata nella cura di malattie del pancreas.

Ultimamente si è anche scoperto che è utile nei casi di cattiva digestione, di ipertensione e di iperattività.

Se non siete sicuri della legalità della stevia potete stare tranquilli. Questa piantina ha avuto infatti una storia un po’ travagliata. Fino agli anni ’50 in Italia veniva regolarmente coltivata e consumata perché nel secondo dopoguerra era praticamente impossibile trovare dello zucchero in commercio, e la stevia rappresentava un’alternativa pratica e molto economica.

Ma negli ultimi anni è stata al centro di accesi dibattiti sulla sua presunta tossicità (oggi smentita da test medici effettuati sia in Europa che negli Stati Uniti). Finalmente nel 2012 il suo uso è stato ufficialmente dichiarato legale dalla Commissione Europea e si è cominciato a commercializzarla anche in Italia.

Oggi la stevia può essere tenuta in casa e cresciuta come una normale piantina di prezzemolo o di menta. Questa soluzione è molto pratica, vi permette di consumare solo stevia fresca e vi evita di doverla comprare sotto forma di polvere o compresse.

Una fogliolina corrisponde a un cucchiaino di zucchero, e si può assumere sia fresca che essiccata.

Se la preferite fresca, staccate le foglioline nel momento del bisogno e utilizzatele subito. Nel caso di bevande calde come tè o caffè le foglie possono essere lasciate nella tazza stessa in maniera che rilascino lentamente le loro sostanze dolcificanti.

Oppure, dato che il loro potere dolcificante resiste alla cottura, possono essere triturate e utilizzate nella preparazione di dolci, biscotti e torte.

Se invece volete avere un barattolino di stevia sempre pronto all’uso, il nostro consiglio è di fare essiccare le foglie, tritarle e conservarle in un recipiente adatto.

Prima dell’essiccazione dell’intera pianta (che deve avvenire in un luogo buio e a testa in giù) è utile staccarne uno o due rametti che andranno ripiantati nel vaso e che daranno vita a nuove piantine.

L’uso della stevia come dolcificante è indicato specialmente alle persone che soffrono di diabete e che non vogliono rinunciare a un po’ di dolcezza in alimenti e bevande in quanto il suo principio attivo, lo steviolo, non influisce sui livelli di insulina.

Dato che non contiene calorie può anche essere utilizzata nelle diete al posto dello zucchero e dei dolcificanti artificiali come aspartame e saccarina.