Le intolleranze alimentari: tutto quello che c’è da sapere

Le intolleranze alimentari: tutto quello che c’è da sapere

CONDIVIDI
intolleranze alimentari

Avere una corretta alimentazione è fondamentale per vivere in modo sano e in salute. Spesso però anche quando si cerca di mangiare nel modo più corretto, capita di sentire che il nostro organismo non stia funzionando alla perfezione.

Spesso, dietro a questo malessere si nascondono intolleranze alimentari di cui neanche sapevamo di soffrire. A volte, infatti, non è così chiaro da capire quando si ha un problema di intolleranza a certi cibi. Alcuni alimenti possono essere, infatti, mal assorbiti dal nostro corpo che reagisce in maniera differente.

Quando mangiamo cibo a cui siamo intolleranti possiamo avverti mal di stomaco, improvvisa stanchezza o frequenti mal di testa.

Per intolleranza alimentare si intende uno stato di “avvelenamento” del nostro corpo. Certi alimenti agiscono lentamente nel nostro organismo provocando vari effetti negativi. Ad esempio, il malessere si può manifestare tramite macchie sulla pelle, tramite gonfiori o ritenzione idrica.

Uno degli effetti più comuni è sicuramente il classico mal di stomaco.

Se si è affetti da intolleranze alimentari, purtroppo non si possono assumere farmaci per “guarire”. L’unico modo per stare meglio è quello di smettere di mangiare quei prodotti che lentamente stanno intossicando il nostro corpo.

Quando il nostro organismo arriva al limite, basterà evitare certi cibi per alcuni mesi per ristabilire un equilibrio.

Come fare a capire se siamo intolleranti a qualche alimento?

I sintomi sono numerosi e facili da riconoscere. Ad esempio, se avete cominciato a soffrire di crampi allo stomaco, se soffrite di diarrea o avete problemi all’apparato urinario, questi sintomi devono essere un campanello di allarme. Spesso si ha anche la comparsa di eruzioni cutanee, ma si avvertono anche cambiamenti nell’umore.

Chi soffre di intolleranze alimentari tende ad avere stati emotivi di depressione ma anche difficoltà nel mantenere la mente concentrata. Se dopo aver assunto determinati alimenti, cominciate a sentire dei sintomi negativi, allora probabilmente c’è un’intolleranza di base.

I cibi che più frequentemente provocano intolleranze alimentari sono i latticini, farine di vario tipo, i pomodori ma anche il glutine. In questo caso nei supermercati è molto facile trovare prodotti senza glutine che aiuteranno il vostro corpo a ristabilirsi nel migliore dei modi.

Se comunque riconoscete alcuni di questi sintomi, allora il consiglio migliore è quello di recarsi da un medico ed effettuare dei test approfonditi per capire nello specifico quali sono i tipi di alimenti che provocano il vostro stato di malessere e in modo tale da elaborare una dieta adatta al vostro metabolismo.