Mandarini: tutte le proprietà di cui godono

Mandarini: tutte le proprietà di cui godono

CONDIVIDI

Il mandarino è un frutto dotato di proprietà utili per il nostro organismo. Questo agrume è apprezzato da molte persone perché dotato di un sapore piacevole. Viene utilizzato in molte ricette, ma si può sfruttare anche nel campo delle cosmesi per ottenere vari benefici.

In circolazione esistono vari tipi di specie come il mandarino King, il mandarino Cleopatra originario dell’India, il mandarino Satsuma proveniente dal Giappone e il mandarino Tangerine originario del Marocco e in particolare della città di Tangeri, da cui prende il nome.

Le varie tipologie hanno proprietà in comune, tutte utili per il corretto funzionamento del nostro organismo. I mandarini contengono al loro interno una scarsa quantità di grassi, per questo possono essere tranquillamente inseriti anche nelle diete. Rispetto agli altri frutti però, contengono molti più zuccheri, quindi chi è sovrappeso o soffre di diabete non dovrebbe abusarne.

Il mandarino è ricco di vitamina C, famosa per aiutare il nostro organismo a difendersi dalle malattie di stagione. Basti pensare che 100 grammi di mandarini contengono al loro interno 42 mg di vitamina C. Si tratta del 50% della dose che uomini e donne dovrebbero assumere ogni giorno.

Il mandarino contiene anche una discreta quantità di fibre, ma è soprattutto ricco di potassio, magnesio e altri sali minerali utili per il nostro corpo. I mandarini contengono anche molti tipi di vitamine come la A, la B9 e la B6.

Grazie alle sostanze di cui vi abbiamo parlato, i mandarini possono avere vari effetti positivi sul nostro corpo. Ad esempio, questi ci aiutano a diminuire la quantità di trigliceridi e colesterolo cattivo presenti nel nostro sangue. Allo stesso tempo sono in grado di aumentare i livelli di colesterolo buono.

Il mandarino è ottimo anche per aumentare le nostre difese immunitarie, grazie alle vitamine in esso contento.

I suoi fitonutrienti ci aiutano a migliorare il nostro sistema immunitario e, inoltre, stimolano la produzione di enzimi in grado di proteggere il nostro fegato.

È stato dimostrato che i flavonoidi contenuti nei mandarini, possono contrastare la formazione delle malattie neurodegenerative, perché riducono lo stress ossidativo. Il mandarino è dotato anche di proprietà anti-infiammatorie, molto utili per il nostro organismo.

I mandarini possono essere mangiati a spicchi, sono ottimi come spuntino a metà mattinata o come merenda nel pomeriggio. Con i mandarini si può anche preparare un’ottima spremuta. Il mandarino può essere mangiato in insalata, oppure utilizzato in ricette più complesse.

Tra gli effetti negativi che può avere il mandarino, c’è solamente il problema legato agli zuccheri. Non bisogna mai mangiarli in quantità eccessive, altrimenti possono causare ulteriori problemi a chi è sovrappeso o soffre di diabete.